l’Arte di Correre, laboratorio di teatro fisico

View Calendar
05-10-2017 21:00 - 23:00
Via Nazario Sauro, 24C, 40121 Bologna BO, Italia
Address: Via Nazario Sauro, 24C, 40121 Bologna BO, Italia

LABORATORIO DI TEATRO FISICO

“L’arte di correre”

La realtà dell’altro non è in ciò che ti rivela, ma quello che non dice

Questo laboratorio parte da un testo di Murakami Haruki.
L’arte di correre è un laboratorio in cui sperimenteremo modi diversi di raccontare con la parola e con il corpo. Nasceranno non solo degli attori, ma degli abitanti.

Abitanti in cerca di viaggiatori, abitanti alla ricerca di luoghi da abitare.
teatro fisico
Nella prima fase del percorso lavoreremo sul funzionamento dei cinque sensi e sulla loro azione sulla memoria del corpo. Privilegiando l’ascolto come fonte di espressione e creazione corporea e drammaturgica. 

Attraverso un lavoro sul gruppo e su sé stessi, sperimenteremo modi diversi di raccontare sensazioni ed emozioni, con il gesto e con la parola e lavorando spesso al buio, arriveremo a creare dei percorsi che portano lo spettatore a vivere un’esperienza archetipica.
Già dalle prime lezioni lavoreremo sul teatro sensoriale, un evento-spettacolo in cui lo spettatore
ha un ruolo attivo, una particolare esperienza
che assume i tratti del viaggio. Il viaggiatore
viene accompagnato in un percorso di
scoperta percettiva ed emozionale evocato
dall’ambiente e dagli attori che abitano lo
spazio, gli abitanti. L’intreccio tra drammaturgia
e poetica dell’immagine sensoriale è
una delle chiavi di questo genere di lavoro,
accanto al mito, al gioco, al rito, alla memoria
e allo spazio.
Il teatro dei sensi usa poco la parola e pone
lo spettatore-viaggiatore al centro dell’opera
in quanto protagonista, creando un labirinto
in cui ciascuno entra, da solo e a mani
vuote, incamminandosi nell’oscurità. L’opera
assume quindi appieno le caratteristiche
dell’evento: unico, effimero e irripetibile,
(ri)generato da ogni viaggiatore attraverso
il suo immaginario.

Il laboratorio è aperto a tutti, soprattutto a coloro che vogliono cominciare a mettersi in gioco. Nel percorso saranno previste performances in spazi urbani e non, in collaborazione con altre strutture.

Docenti:

Marco Alì
Dal 2007 formatore nel settore teatrale, del teatro narrazione e del movimento corporeo e porta avanti studi nell’ambito pedagogico con particolare attenzione alla tradizione fiabesca e le sue origini antropologiche. Autore di varie installazioni e spettacoli. Si occupa in particolare di progetti che possano
mettere in relazioni diversi linguaggi espressivi e sensoriali per la creazione e realizzazione di esperienze, spettacoli, laboratori e installazioni legate al teatro e allo spettacolo dal vivo.

Mattia Gandini
Fonda nel 2004 la Compagnia Leggere Strutture, producendo molteplici spettacoli e performances. Nel 2008 apre il centro di produzione artistica e creativa dall’omonimo nome Leggere Strutture Art Factory. Nel 2016, grazie a collaborazioni internazionali, amplifica l’attività formativa con la nuova sede Art Factory International. Attualmente Mattia Gandini è formatore, docente e coreografo di danza contemporanea e laboratori coreografici.

DA GIOVEDI’ 05 OTTOBRE
Ogni giovedì, da ottobre e maggio dalle 21 alle 23
Presso: L’Altro Spazio, via Nazauro Sauro, 24/F
Lezione di prova: giovedì 28 settembre

info e prenotazioni: gattateatro@libero.it – 3807184141

“Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri.”

Related upcoming events

  • 12-12-2017 18:00 - 12-12-2017 20:00

    La Macchina Sognante e Amnesty UniBo dialogano con la giornalista e scrittrice di origini siriane Asmae Dachan, sul suo ultimo romanzo, "Il silenzio del mare", sul suo blog "Diario di Siria" e sulla situazione in Siria, ripercorrendo le varie fasi del complesso processo che ha portato alla quasi distruzione del paese, lo sfollamento interno ed estero di milioni di persone, etc. Nel corso della serata vi saranno anche letture e proiezioni.

    Il Silenzio del mare
    Un romanzo che attinge alla drammatica realtà della guerra in Siria. Due fratelli, Fadi e Ryma, si uniscono al movimento pacifista che nasce segretamente nei campus universitari e che coinvolge giovani e lavoratori, iniziano un impegno attivo per la difesa dei diritti umani, sognando che la Siria riacquisti la libertà e si affranchi dall'oppressione della dittatura, siamo nel 2011 e il loro sogno svanisce in breve. Scoperti e minacciati dal regime, sono costretti a fuggire dalla repressione che presto si trasforma in una feroce guerra, a cui si aggiunge l'orrore del terrorismo. Si imbarcano in Libia, alla volta dell'Italia, ma durante la traversata accade una tragedia e Fadi arriva a terra da solo. Il destino di Ryma resta avvolto dal silenzio del mare. In Italia il giovane siriano viene accolto da un pescatore e da una giovane dottoressa. I loro destini si intrecciano in modo inaspettato. Ognuno cerca nell'altro le risposte ai suoi perché, e mentre in Siria si continua a morire, un evento inatteso sconvolge la nuova vita di Fadi e dei suoi amici.